Couperose: cause, sintomi e come curarla

0

Copparosa o couperose è un inestetismo della pelle che colpisce la pelle del viso, si manifesta mediante la formazione di macchie di colore rosato talvolta rossastro a seguito di un’anomala dilatazione dei capillari sanguigni.

Gli arrossamenti cutanei più o meno estesi colpiscono in prevalenza le donne dal carnato chiaro, ma anche gli uomini (anche se più raramente) che possono manifestare la comparsa di couperose dopo i 30 anni.

Trattandosi di un disturbo dermatologico che colpisce assai più spesso le popolazioni dai carnati molto chiari con basso tasso di melanina (Paesi scandinavi, Inghilterra, Irlanda, Scozia etc.), la popolazione residente sul bacino del Mar Mediterraneo ne soffre più sporadicamente.

Sulla penisola italiana le popolazioni abitanti nell’arco alpino sono quelle più affette da questo inestetismo dermatologico che si manifesta per le temperature rigide e per il carnato dell’epidermide chiaro, molto sensibile alle condizioni meteorologiche.

In questa guida cerchiamo di capire meglio che cos’è la couperose o copparosa, quali sono le cause, i sintomi e come curarla.

Che cos’è la couperose?

Couperose o “copparosa” è un problema dermatologico che è considerato un inestetismo estetico dell’epidermide che può essere un problema transitorio o stagionale.

Nella maggior parte dei casi, nelle regioni e nei paesi scandinavi le popolazioni dal carnato chiaro soffrono di couperose che viene ad assumere le caratteristiche di patologia dermatologica.

La couperose o copparosa se cagionata dall’eccessiva porosità e dalla fragilità dei vasi sanguigni, non è ritenuta una vera e propria patologia, ma una vera e propria anomala dilatazione dei piccoli vasi sanguigni del viso.

Couperose: quali sono le cause?

La couperose o copparosa è un disturbo più o meno complesso caratterizzata da lesioni papulo-pustolose: oltre al fattore genetico di predisposizione che caratterizza le popolazioni nordiche e residenti nella fascia prealpina, tra le cause che possono cagionare la couperose si annoverano gli agenti esterni che favoriscono l’insorgere del problema.

L’esposizione solare, le variazioni di temperatura, l’assunzione di cibi piccanti e di superalcolici sono tutte altre cause che comportano l’insorgenza di macchie rosa-rossastre e dilatazione dei capillari e dei piccoli vasi sanguigni delle gote.

Un’altra causa da non sottovalutare nella comparsa della couperose è rappresentata dalle disfunzioni ormonali: l’assunzione di farmaci cortisonici può cagionare il rischio di insorgenza della copparosa.

La carenza vitaminica (avitaminosi, ipovitaminosi di vitamina C e PP) possono cagionare eritrosi facciale; gli stessi cibi eccitanti e piccanti ne sono un ulteriore causa del rischio di insorgenza della copparosa.

Couperose: quali sono i sintomi?

La couperose si manifesta come una lesione cutanea ed eritrosi facciale con chiazze rosate e rossastre sulle gote del viso: fragilità dei capillari e vasodilatazione provocano venature rossastre decisamente antiestetiche localizzate a livello di guance, zigomi e ali del naso, nei casi più gravi ed allo stadio più evoluto della copparosa.

Oltre ai sintomi estetici, si devono tenere debitamente conto di quelli sensoriali: le persone che soffrono di couperose avvertono una sensazione di forte calore che si sprigiona nelle zone in cui sono localizzate le macchie rosacee.

Si pensi ai cuochi che sono esposti alle variazioni e sbalzi di temperatura o ai contadini, ai pescatori norvegesi: l’esposizione frequente e prolungata a variazioni climatiche, freddo, gelo, umidità e vento concorrono all’alterazione a livello del microcircolo sotto-epidermico.

Couperose: come curarla

Il trattamento della couperose può essere di tipo estetico con uso topico di creme e pomate e, nei casi più gravi, n cui si assiste all’evoluzione della couperose in rosacea, il dermatologo può decidere di prescrivere un trattamento farmacologico e/o può consigliare il ricorso a trattamenti di medicina dermo-estetica.

Dal punto di vista topico, il dermatologo consigliare l’utilizzo di creme ad azione antinfiammatoria e disinfettante da applicare ogni mattina ed alla sera dopo aver deterso la pelle in profondità e prima di utilizzare la base del trucco o l’applicazione di una crema idratante.

Inoltre, per le donne affette da couperose che utilizzano make up devono prediligere sempre prodotti contenenti ingredienti in grado di esercitare un’azione lenitiva.

Assai consigliati dai dermatologi i cosmetici preparati con acque termali dall’azione calmierante per la cute infiammata e arrossata.

In altri casi gravi, il dermatologo può consigliare di ricorrere al Dye Laser, un tipo di laser dermatologico in grado di trattare tutti gli inestetismi epidermici di colore rosso.

Rimedi naturali per curare la couperose

Per alleviare e curare la couperose, esistono rimedi naturali (i c.d. rimedi della nonna) utili per combattere la fragilità capillare: la camomilla è una pianta con favolose proprietà lenitive ed anti arrossamento; la calendula, la malva, la liquirizia, la centella asiatica, il rusco, il mirtillo e l’ippocastano espletano una funzione calmierante e lenitiva, oltre a ridurre il rossore sulle gote e sulle zone interessate dalla couperose.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui