Magnesio: cos’è, proprietà, benefici, quando fa male

0

Cos’è il Magnesio? Quali sono le proprietà del Magnesio? Quali sono i benefici del Magnesio? Quali sono le controindicazioni del Magnesio? Fai bene a porti queste domande, in quanto il Magnesio è un minerale molto importante per il nostro organismo. Eppure, sia per il fatto che il trattamento degli alimenti ne ha ridotto di molto i contenuti sia perché la vita dai ritmi eccessivi che conduciamo oggi ne ha ridotto la presenza nel nostro organismo, lo abbiamo messo da parte.

Eppure il Magnesio ha innumerevoli proprietà terapeutiche riconosciute da quasi un secolo: migliora la rigenerazione cellulare, aumenta l’elasticità dei tessuti, è un ottimo rimedio contro l’ossidazione e l’acidificazione, elimina o dissolve le calcificazioni inappropriate a carico dei tessuti molli. Inoltre, assumerlo consente, di riflesso, anche di mitigare disturbi mentali come ansia e nervosismo. Sintomi che accompagnano purtroppo la vita di tante persone del mondo occidentale.

Vediamo di seguito dunque le proprietà del magnesio e i suoi tanti benefici, anche attraverso gli studi di alcuni medici che hanno contribuito non poco affinché le proprietà di questo minerale si divulgassero (raccolti nel libro Magnesio – Come reintegrare un minerale utile per la nostra salute, del dottor Lorenzo Acerra)

Magnesio cos’è

Partiamo col dire che cos’è il magnesio. Esso è l’elemento chimico della tavola periodica degli elementi che ha come simbolo Mg e come numero atomico 12. Il magnesio è l’ottavo elemento più abbondante e costituisce circa il 2% della crosta terrestre. Risulta poi essere il terzo in termini di abbondanza tra gli elementi disciolti nell’acqua marina. Non viene estratto allo stato libero, ma sempre combinato con altri elementi. Allo stato grezzo, viene principalmente usato come agente legante nella produzione di leghe alluminio-magnesio.

Il magnesio in natura si presenta come metallo leggero, di colore bianco argento e alquanto duro. Si appanna leggermente se esposto all’aria. E’ altamente infiammabile, di fatto la sua polvere si scalda e brucia con una fiamma bianca a contatto con l’aria. Tuttavia, è raro che prenda fuoco se conservato in grosse quantità, mentre si infiamma facilmente se disposto in strisce o filamenti sottili. Non a caso, veniva utilizzato nelle lampade fotografiche a flash.

Magnesio utilizzi

I composti di magnesio, in particolare l’ossido di magnesio, vengono utilizzati soprattutto come materiale refrattario nei rivestimenti delle fornaci per lprodurre ferro e acciaio, metalli non ferrosi, vetro e cemento. L’ossido di magnesio e altri composti vengono poi utilizzati altresì in campo agricolo, nell’industria chimica e nelle costruzioni. Viene utilizzato soprattutto come additivo nelle leghe con l’alluminio, data la sua dote di incrementarne le proprietà meccaniche, fabbricative e di saldatura. Le leghe di alluminio-magnesio vengono ad esempio usate in particolar modo nelle tipiche lattine usate per confezionare le bevande.

Magnesio origini

Cosa significa Magnesio? Questa parola deriva dal greco che indica una prefettura della Tessaglia chiamata Magnesia. Il termine magnesia veniva in passato attribuito dagli alchimisti a numerose sostanze, chimicamente diverse ma simili per consistenza e colore, ivi estratte. Tuttavia, la scoperta del magnesio come metallo la si deve a Joseph Black, in Inghilterra nel 1755. Mentre Sir Humphrey Davy lo isolò elettroliticamente nel 1808, e successivamente Antoine Bussy lo preparò in forma coerente.

Magnesio dove viene estratto

Il magnesio viene estratto da enormi giacimenti di magnesite, dolomite e altri minerali. E’ possibile trovarlo in oltre 60 minerali, sebbene solo dolomite, magnesite, brucite, carnallite e olivina hanno rilevanza di tipo commerciale.

Quanto Magnesio assumere al giorno

Quanto magnesio dobbiamo assimilare al giorno? Secondo il dottor Lichton, che ne ha scritto nel 1989, l’apporto quotidiano raccomandato di magnesio per un adulto è di 350 mg per gli uomini e 300 mg per le donne.

Magnesio in gravidanza

Il magnesio può essere assunto in gravidanza? Certo, anzi, le dosi consigliate sono da aumentare sia in questa fase che in quella dell’allattamento. Infatti si deve arrivare anche a 450 mg. Tuttavia, consigliamo sempre di consultarvi col medico che vi segue.

Perchè magnesio è importante?

Il magnesio è responsabile di molti processi metabolici essenziali:

  • formazione dell’urea
  • trasmissione degli impulsi muscolari
  • trasmissione nervosa
  • stabilità elettrica cellulare

I suoi molteplici benefici per la salute li riporteremo nei paragrafi successivi.

Magnesio: in quali alimenti è contenuto

Quali sono gli alimenti che contengono magnesio? Nei seguenti:

  • cereali (soprattutto integrali)
  • noci (160 mg per 100 grammi di prodotto)
  • mandorle (200 mg)
  • arachidi (120 mg)
  • il miglio e il grano saraceno (120÷140 mg)
  • cacao (400 mg)
  • germe di grano
  • lenticchie
  • verdure verdi (soprattutto spinaci)
  • carni
  • farinacei
  • prodotti lattiero-caseari
  • acque minerali particolari

Tuttavia, dato che i cibi trattati tendono a perdere i propri valori nutrizionali, finiscono per non dare il giusto apporto di magnesio dovuto. Si consiglia pertanto anche di utilizzare cloruro di magnesio, acquistabile in polvere in farmacia. L’unico inconveniente è il suo sapore, da tanti accostato a quello dell’acqua di mare. Magari, specie per le prime esperienze, si può anche acquistare il Magnesio supremo, barattolo in polvere sempre acquistabile in Farmacia (sui 12-13 euro) dal sapore simile a quello del bicarbonato e quasi neutro perché più trattato. La dose consigliata è di un cucchiaino di caffè al giorno o due a seconda della propria situazione.

Magnesio sintomi carenza

Quali sono i sintomi che si provano in caso di carenza da magnesio? Diversi come:

  • nausea e vomito
  • diarrea
  • ipertensione
  • spasmi muscolari
  • insufficienza cardiaca
  • stati confusionali
  • tremiti
  • senso di stanchezza
  • cambiamenti repentini di umore
  • eccessiva apprensione
  • perdita della coordinazione articolare

Magnesio Supremo cos’è

Cos’è il magnesio supremo? E’ un prodotto che, come detto, è possibile trovare in farmacia formato barattolo. A produrlo è l’azienda Natural Point e il barattolo costa tra i 12 e i 14 euro (ma dura un bel po’, poi dipende dagli usi che se ne fanno). Il magnesio supremo è una forma di magnesio: carbonato di magnesio citrato. Rispetto al magnesio cristallizzato, il magnesio supremo viene accettato più velocemente dall’organismo. Inoltre, come accennato, ha un sapore molto più tollerabile rispetto al magnesio puro: il cloruro di magnesio. anch’esso comunque assimilabile e acquistabile in farmacia (sebbene in linea di massima vada prenotato e non lo si trova subito disponibile).

Magnesio benefici allergie

Il magnesio è un ottimo rimedio contro le allergie. Il dottor Pierre Delbet fu tra i primi a scoprire come il magnesio potesse curare sintomatologie allergiche molto diffuse come raffreddore da fieno, rinite spasmodica, orticaria, pruriti, asma. Del resto, l’azione anti-allergica e anti-istaminica apportata dall’assumere magnesio, è stata confermata anche da numerosi studi più recenti. In particolare, il magnesio si mostra particolarmente efficace contro pruriti e dermatiti. Ecco le patologie allergiche per cui la medicina ha riscontrato ottimi risultati usando il Magnesio.

Asma

Un altro medico, il dottor Raul Vergini, ha presentato nel 1994 una articolata casistica risultato di parecchi anni di osservazioni e utilizzo del cloruro di magnesio. Ha rivelato come il cloruro di magnesio abbia dato ottimi risultati contro l’asma, assumendo 2 volte al giorno la dose di tre grammi in cicli di venta-trenta giorni o anche più a seconda della gravità della patologia. Nei periodi più critici è consigliato somministrare tre dosi da 3 grammi nella prima settimana passando poi alle classiche due dosi.

Pollinosi

Il magnesio si è mostrato molto efficace anche contro la Pollinosi: anche in questi casi (raffreddore da fieno, congiuntiviti, etc.), il dottor Vergini asserisce di aver avuto gli stessi ottimi risultati avuti contro l’asma usando lo stesso quantitativo di magnesio.

Orticaria

Il magnesio si è mostrato efficace anche contro l’orticaria, spesso originata da un’allergia di tipo alimentare o da farmaci, somministrandolo per via orale ogni sei ore o, nei casi più gravi, per via parenterale.

Eczema

Per l’eczema si sono avuti buoni risultati con terapie prolungate per almeno 40-60 giorni. La cura sarà più efficace eliminando chiaramente gli elementi di disturbo dalla propria dieta alimentare.

Magnesio benefici osteoporosi

Il magnesio si è mostrato efficace anche per mitigare l’osteoporosi, che affligge le donne soprattutto nella fase post-menopausa della loro esistenza. Cos’è l’osteoporosi? L’osteoporosi è una condizione caratterizzata dalla riduzione della massa ossea, da dolori ossei e da una maggiore facilità alle fratture. Anche qui non mancano ricerche mediche che hanno attribuito a questo portentoso minerale doti per mitigare questa problematica. Il magnesio, dato come unico trattamento per l’osteoporosi di donne in menopausa, produce un notevole aumento di densità ossea secondo la ricerca condotta dai dottori Stendig e Lindberg nel 2003.

In realtà, già il dottor Neveu 50 anni orsono aveva dimostrato che pazienti con infiammazione degli elementi cellulari dell’osso se trattati con cloruro di magnesio, guarivano ed evitavano addirittura l’operazione chirurgica. Unico rimedio conosciuto fino ad allora. Per arrivare a queste conclusioni, Neveu ha utilizzato un gruppo di controllo formato da pazienti nelle stesse condizioni che rifiutavano il trattamento con cloruro di magnesio. Specie per il suo sapore sgradevole, che molti paragonano a quello dell’acqua di mare. E notò che rispetto a quelli a cui invece esso veniva somministrato, dovevano irrimediabilmente sottoporsi ad operazione.

Dal canto suo, il dottor Driessens nel 1993 segnala la possibilità di ridurre o prevenire gravi e progressive demineralizzazioni mandibolari con l’uso di supplementi di magnesio.

Magnesio benefici stitichezza

Il cloruro di magnesio è un ottimo rimedio anche contro la stitichezza. Per quale motivo? Esso, per natura, attira acqua, ha pertanto una capacità “igroscopica” talmente potente che, posto su un tavolo, entro poche ore avrà attirato goccioline di acqua dall’aria della stanza (quindi è un valido rimedio anche per le abitazioni particolarmente umide). Ecco quindi la sua proprietà contro la stitichezza: ogni ione magnesio attrae nel tubo digerente circa 800 molecole d’acqua, e con l’assunzione di ogni giorno viene aumentato il livello di idratazione laddove serve nell’intestino. Quindi ne migliora la funzione.

Sempre riguardo l’apparato digerente, è stato comprovato che il cloruro di magnesio stimola il sistema biliare, nel duodeno apporta un’ondata di bile vescicale regolarizzando così la peristalsi intestinale alterata nella costipazione di tipo cronico. Sempre il dottor Delbet già nel 1944 sottolinea come usare cloruro di magnesio apporti benefici anche alle feci. Il tipico cattivo odore tende addirittura a scomparire, o comunque a ridursi drasticamente. Questo cambio di odore vuol dire che qualcosa di vantaggioso sia accaduto nel nostro apparato digerente. A confermare ciò fu 40 e passa anni dopo il dottor Rodale, il quale inizio ad usarlo abbinando però a ciò una modifica dell’alimentazione (come la privazione di latte, la riduzione notevole di formaggi e di zucchero raffinato). Del resto, il cattivo odore delle feci è dovuto ad una corrispettiva cattiva alimentazione.

Magnesio benefici digestione

Allo stesso dottor Rodale si deve la scoperta del cloruro di magnesio come beneficiante della digestione. E lo fece in questo periodo di prova per ridurre il cattivo odore delle feci. Notò infatti che digeriva anche meglio le bietole crude, il cui colore rosso finiva per influenzare anche quello delle feci (si sa, i cibi cotti sono più tollerati dall’organismo perché perdono parte delle loro proprietà). Orbene, Rodale scoprì che il colore rosso delle feci era sparito. Pertanto l’organismo ne aveva assimilato tutte le proprietà. Stesso dicasi per il cattivo odore nelle urine quando mangiava asparagi. Insomma, il cloruro di magnesio aiuta anche la digestione e l’assimilazione delle proprietà degli alimenti. Proprio perché implementa la capacità dei nostri enzimi.

Magnesio benefici intolleranze alimentari

Il magnesio aiuta a combattere anche le intolleranze alimentari. Uno studio pubblicato sul Medical Tribune già il 3 giugno 1964 da Maurice E. Shils dell’istituto di ricerca Sloan-Kettering vide come un 74enne aveva intolleranze alimentari ad un alto numero di alimenti. I due ricercatori videro però che esse sparivano quando gli veniva somministrato magnesio. L’esempio pratico è quello del motore di una auto: se riesce ad arrivare a 160°C, allora avrà un ambiente adeguato per bruciare bene il carburante. Ma se riesce ad arrivare solo a 110°C, il carburante non viene smantellato in maniera ideale. Con l’età, anche il nostro apparato digerente non riesce più a smantellare cibo come faceva una volta. Al test di elettroagopuntura di Voll la degenerazione fisica è correlata ad un numero crescente di intolleranze alimentari. Ciò significa che gli enzimi non sono più efficienti come un tempo. E qui subentra il magnesio: consente in maniera istantanea all’apparato digerente di carburare (ovvero di digerire) ad un livello superiore.

Il magnesio è in grado di attivare la tripsina, come riporta Northrop nel 1939, vale a dire la somministrazione di enzimi digestivi. Stesso dicasi per la cosiddetta “astenia mattutina”, vale a dire quei risvegli nei quali abbiamo la sensazione di sentirci già stanchi. Orbene, anche qui può centrare l’alimentazione. Se almeno a cena dimezziamo la dose del cibo cui siamo intolleranti e vi abbiniamo la somministrazione di cloruro di magnesio, potremmo mitigare i cosiddetti “risvegli stanchi”.

Magnesio benefici cuore

Il magnesio apporta benefici anche per il cuore, il quale irrimediabilmente col passar degli anni invecchia. Già dal 1935 è stato assodato quale sia il beneficio del magnesio per il cuore. Il cuore funziona bene quando c’è il giusto equilibro tra possibilità di contrazione e di rilassamento. Se si riduce il magnesio, addetto proprio al rilassamento del muscolo liscio cardiaco, e di conseguenza aumenta il calcio depositato, che è addetto invece alla contrazione del muscolo liscio, il cuore tenderà sempre più a contrarsi e a non pompare più sangue come dovrebbe. Con effetti drammatici per gli altri organi.

Stesso discorso vale per l’invecchiamento cardiaco dovuto all’uso eccessivo di alcol. Non a caso, gli alcolisti cronici spesso lamentano spiacevoli tachicardie. L’alcool, infatti, potrebbe essere definito ‘magnesiuretico’, poiché sottrae magnesio dai tessuti e aumenta di contro la sua espulsione tramite le urine. Così come le persone di mezza età, dopo aver partecipato ad una festa ed aver alzato un po’ più il gomito rispetto al solito, hanno spesso la notte stessa il sonno disturbato da fastidiose palpitazioni. Proprio perchè il loro muscolo cardiaco ha già scarse riserve di magnesio, dovute al passare degli anni. E quindi arrivano ad un livello critico quando l’alcool ne aumenta l’eliminazione.

Magnesio benefici muscoli

E’ stato anche provato quando il magnesio riduca l’iper-eccitabilità muscolare e vasodilata. Quindi ciò significa che anche se uno non è olimpionico, necessita comunque di assumere magnesio per situazioni muscolari piccole e grandi. Si pensi a dolori, mialgie, rachialgie, stati di contrattura, mioclonie palpebrali, stanchezza muscolare. Ma anche crampi muscolari.

I muscoli più sono allenati e più contengono gruppi fosfato nell’ATP cellulare ed a legarli ci pensa proprio il magnesio. Invece, livelli ridotti di magnesio, dato che influenzano in maniera negativa il metabolismo proteico, possono tradursi in una riduzione nei guadagni di forza di un regime di allenamento strutturato. Golf nel 1993, in un articolo conferma snocciolando dati che la contrazione massima muscolare dei quadricipiti è correlata in maniera positiva ai livelli di magnesio beneficiati da un atleta. Mentre la resistenza all’esercizio anaerobica aumenta con il ripristino del magnesio.

Magnesio benefici prostata

L’invecchiamento comporta anche quello dei tessuti molli che perdono magnesio generando infiammazioni e calcificazioni. I medici Delbet, Neveu, Martin du Theil hanno scoperto che il cloruro di magnesio ha effetti positivi anche per l’ingrossamento della prostata dovuto all’invecchiamento. Secondo il dottor Delbert, l’ipertrofia prostatica si arresta assumendo continuamente cloruro di magnesio. In taluni casi addirittura recede. Padre Beno J. Schorr conferma con le sue esperienze l’effetto positivo del magnesio per la prostata, riportando il caso di un anziano che non riusciva più ad urinare e avrebbe dovuto operarsi alla prostata. Ma già dopo l’assunzione di 3 grammi di cloruro magnesio notò dei miglioramenti, e addirittura dopo una settimana non doveva più essere operato.

Magnesio benefici nei bambini

I bambini possono assumere magnesio? Quali sono i benefici del magnesio nei bambini? Partiamo col dire che la carenza di magnesio nei più piccoli può comportare problemi alla formazione dentale, alla corretta densità ossea, ritardi nel prendere peso e soprattutto nel crescere in altezza. I dottori Gendel [1977], Ratzmann [1988] e Schimatschek [1998] hanno dimostrato i benefici dell’assunzione di cloruro di magnesio su bambini affetti da crampi muscolari, mal di testa, dolori addominali ricorrenti, insonnia e ridotte capacità di concentrazione. Il dottor Ducroux [1984] ha osservato, in 842 bambini ritenuti spasmofili, i sintomi seguenti: problemi di sonno (85%), problemi digestivi (63%), tic (56%), facile affaticabilità (43%), crampi muscolari e convulsioni (12%), mal di testa recidivanti (10%), problemi respiratori (8%) e problemi cardiaci funzionali. Essi erano riconducibili a bassi livelli di magnesio. Infatti, a riprova di ciò appena sono stati sottoposti a terapia a base di magnesio, il 75% di questi (più precisamente tramite 0.010 gr. di ione magnesio per chilo di peso corporeo, quindi, ad esempio, sarebbero 3.3 grammi di cloruro di magnesio per un bambino di 40 chili. Il peso medio a quella età). Mentre in 40 minorenni su 842 gli effetti non sono stati riscontrati.

Magnesio benefici colesterolo

Il magnesio ha ottimi benefici anche contro il colesterolo. In pazienti con colesterolo elevato vengono utilizzati i farmaci anti-colesterolo che inibiscono la “reduttasi”, lo step chiave nella biosintesi del colesterolo modulata dall’ATP- Mg. Tuttavia, se in questi pazienti anziché somministrare tali farmaci, viene dato magnesio, la riduzione del colesterolo nel sangue è in media del 20% (rispetto al 30% dei farmaci). Tuttavia, assumere magnesio comporta altri benefici come la riduzione di un terzo dei trigliceridi nel sangue (come riportano gli studi di Rasmussen del 1988, e i più recenti di Nassir del 1995) e aumenta il colesterolo buono del 10% (come ha riscontrato Rosanoff nel 2003). Tuttavia, già sessant’anni fa il dottor Bersohn (1956) notava una normalizzazione in tutti i pazienti con colesterolo elevato a cui veniva somministrato magnesio.

Magnesio benefici animali e piante

Oltre che per gli esseri umani, il magnesio ha una fondamentale importanza per le piante: la clorofilla è una porfirina che trova come posizione centrale proprio un atomo di magnesio. Anche negli animali, proprio come nell’essere umano, il magnesio è coinvolto nella sintesi e nell’utilizzo dell’ATP, un mediatore energetico fondamentale nei processi di glicolisi e di gluconeogenesi. Ma anche nella sintesi e nella duplicazione degli acidi nucleici.

Magnesio per ansia e nervosismo

Eccessiva ansia (o apprensione) o nervosismo, sono una tipica spia della carenza di magnesio. Assumerlo quindi può aiutare a combattere questi stati mentali molto diffusi nella società contemporanea in cui viviamo, dominata da incertezza economica per il futuro, ritmi alti e rapporti sociali meno stabili. Naturalmente, il magnesio da solo non può fare miracoli. Occorre anche cercare di autocontrollarsi di più e risolvere i problemi di fondo che scatenano questi sintomi.

Magnesio controindicazioni

Quali sono le controindicazioni nell’assumere magnesio? Non ne ha particolarmente. A parte un possibile effetto lassativo quando lo si utilizza i primi giorni (meglio limitarsi a un cucchiaino al giorno se si usa Magnesio Supremo o cloruro di magnesio), che però è imputabile alla cattiva alimentazione più che al magnesio stesso. Ed è sconsigliato a chi ha problemi renali, in quanto questo minerale viene espulso tramite urina. Quindi meglio parlarne col proprio medico in questo caso.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui