Spirulina: cos’è, proprietà, come si usa e controindicazioni

0

Da diversi anni ormai, si è riscoperto l’utilizzo di sistemi curativi alternativi alle medicine. Abitudine alimentata dal web, che offre ampie possibilità di informarsi, pur restando attenti alla cattiva informazione e alle bufale.

In questo articolo parliamo della spirulina (nome originario Arthrospira platensis), un’alga azzurra unicellulare. La quale si caratterizza per una curiosa e inusuale forma stretta e allungata, che non va oltre il mezzo millimetro di lunghezza.

Di qui il più facile nome spirulina, rispetto a quello originale. Derivante proprio dalla sua forma che rievoca quella di una spirale.

Di seguito vediamo cos’è la spirulina, come si usa la spirulina, quali sono le proprietà della spirulina e le possibili controindicazioni.

Vedremo anche alcuni prodotti a base di spirulina molto venduti. Ad esempio Spirulina Fit (clicca qui per saperne di più) è uno dei migliori integratori del mercato a base di spirulina. Ha tantissime recensioni positive e moltissimi clienti soddisfatti. Ma vediamo prima cosa è la spirulina.

Spirulina cos’è

Cos’è la spirulina? Come detto, il nome originale è Arthrospira platensis, un cianobatterio gram-negativo filamentoso. Questo batterio è un fotoautotrofio che non fissa l’azoto.

Arthrospira platensis è un batterio filamentoso e mobile. La motilità è stata descritta come una planata vigorosa senza flagelli visibili.

Rientra nella famiglia delle alghe azzurre, ma in realtà è di colore verde scuro. Dato che è ricca di clorofilla.

Come fotoautotrofia, la principale fonte di carbonio è l’anidride carbonica e l’acqua è una fonte utile per ridurre la CO2.

La spirulina ha un singolo cromosoma circolare contenente 6,8 Mb e 6,631 geni. È stato determinato che il contenuto di G+C è del 44,3%. ricordiamo che per contenuto di GC, in biologia si intende il quantitativo di coppie di basi azotate di guanina e citosina presenti in una molecola di DNA.

Il loro uso trova spiegazione nella presenza di un triplo legame che le assembla, rispetto alla coppia adenina – timina, nel quale il legame è doppio.

Spirulina dove si trova

Dove cresce la Spirulina? Si trova nel lago Chenghai, in Cina, nei laghi di soda dell’Africa orientale e nei laghi subtropicali e alcalini. In questi contesti, infatti, trae vantaggio dal pH idrico alcalino in esso situato.

La spirulina è stata trovata in ambienti con alte concentrazioni di carbonato e bicarbonato. Può anche essere trovato in alte concentrazioni di sale a causa della sua tolleranza agli alcali e al sale. La temperatura ottimale per questo organismo è di circa 35 ° C.

In base alle condizioni ambientali, il terreno di coltura ha spesso un pH tra 9-10, sali inorganici e un’alta concentrazione di bicarbonato

Usi della spirulina

Come viene usata la spirulina? Esistono vari usi presenti e passati di A. platensis.

Essendo una proprietà alimentare utile e contenente beta-carotene, è un importante integratore per la salute. Dopo il disastro di Chernobyl, A. platensis è stato usato per trattare i sintomi della radiazione.

Non solo ci sono vari benefici per la salute di questo batterio, ma svolge anche un ruolo nella produzione di energia. Infatti, poiché le cellule contengono idrogenasi, è diventata un materiale utile nella produzione di energia pulita.

Ad esempio qui puoi trovare una serie di integratori a base di spirulina di qualità.

Storia della spirulina

I primi utilizzi della spirulina risalgono ai Romani, che la utilizzavano per alimentare le popolazioni delle colonie africane.

Tracce di utilizzi di spirulina risiedono anche nelle civiltà precolombiane (la Spirulina maxima). A scoprirlo fu il “conquistador” spagnolo Cortés, nei primi anni del XVI secolo, quando conquistò gli aztechi.

Spirulina proprietà nutrizionali

Quali sono le proprietà nutrizionali della Spirulina? Vanta una quantità consistente di proteine, amminoacidi essenziali e lipidi.

Contiene anche i grassi appartenenti alla famiglia dei mono e dei polinsaturi, con netta prevalenza degli omega-6 rispetto agli omega-3. Apprezzati anche alti livelli di acido gamma linolenico.

Ancora, la spirulina vanta una alta concentrazione di vitamine come:

  • tocoferolo
  • alcuni carotenoidi (provitamine A, come l’astaxantina)
  • inositolo
  • molte vitamine del gruppo B

Diversi poi i minerali contenuti, tranne lo iodio, malgrado il fatto che abbondi nelle alghe marine.

Non è presente invece la cianocobalamina, quindi non può essere utilizzata come integratore per ovviare alla sua carenza.

Spirulina benefici

Quali sono i benefici apportati dalla spirulina? I seguenti:

  • migliora i livelli di colesterolo nel sangue, di trigliceridi
  • normalizza la pressione arteriosa
  • aiuta a formare le guaine mieliniche che rivestono i nervi. Al fine di migliorare il sistema immunitario

Tuttavia, per ottenerli, occorre anche bilanciare il rapporto omega6/omega3. Meglio farsi consigliare da un nutrizionista.

Di recente, peraltro, è stato scoperto che contiene grassi omega-3 in quantità poco rilevabile, vale a dire a meno dello 0,1%, inclusi DHA e EPA. Rispetto a quanto si credeva prima.

Vitamine come le ficobiline, insieme ad altri pigmenti come la clorofilla, donano a questa alga proprietà antiossidanti significative. Come ad esempio proteggere l’organismo dai radicali liberi e da tutti i danni che arrecano all’organismo.

Per saperne di più sugli integratori a base di Spirulina per il metabolismo clicca qui.

Spirulina a cosa serve

A cosa serve la spirulina? Come vedremo anche successivamente, questa alga si fa apprezzare pure dagli sportivi e dagli atleti, visto che consente più velocemente di approdare al proprio peso forma in modo naturale.

Ciò grazie all’alta concentrazione di vitamine e minerali, richiesti dal nostro organismo ad ogni sforzo muscolare di una certa intensità.

Inoltre, rilevanti sono anche le sue proprietà antiossidanti, dato che fare sport produce molti radicali liberi.

Dato che ha un alto concentrato di proteine – 65-70 g per 100 g rispetto ai 20-25 g di un taglio di carne magra – diventa molto utile per quanti non assumono quantità sufficienti di amminoacidi. Si pensi a chi non mangia carne per problemi economici, oppure sceglie di non mangiare alimenti di origine animale (vegetariani e vegani).

Aiuta poi molto anche la digestione, grazie alla sua parete cellulare senza cellulosa e mucoproteico.

Aiuta a controllare anche l’appetito, quando viene assunto prima dei pasti, accelerando il sopraggiungere del senso di sazietà. Quindi risulta molto utile nelle diete volte a ridurre il proprio peso corporeo.

La spirulina sembra anche molto utile per combattere la bulimia. Patologia che porta al continuo desiderio di cibo. Sebbene non ci siano ricerche scientifiche che avvalorino questa tesi.

Spirulina come si assume

Come si assume la spirulina? Meglio mantenersi su 10 – 19 g / die, per diversi mesi. Questo quantitativo riesce a coprire da solo il fabbisogno giornaliero di molti nutrienti utili all’organismo.

Tuttavia, occorre sempre ricordare che benché abbia molti valori nutrizionali, non sostituisce un pasto normale. Ma va pensato appunto come integratore, per supplire ad eventuali carenze.

Per saperne di più sugli integratori a base di Spirulina per il metabolismo clicca qui.

Dove comprare la spirulina

Dove si compra la spirulina? Online è possibile acquistare un Complesso di Spirulina e Clorella in Capsule. Si tratta di un mix di alghe naturali contenti proteine, vitamina B1, ferro, fitonutrienti e calcio. Ma anche amminoacidi essenziali, beta-carotene, potassio, biotina e altre vitamine. Qui ad esempio (clicca qui) puoi trovare un ottimo prodotto a base di spirulina, uno dei migliori del mercato.

Preso ogni giorno, questo integratore a base di spirulina apporta 1.800 mg di alghe pure. Può essere assunto anche insieme a frullati, smoothies e prodotti da forno.

Un altro prodotto per assumerlo è la Spirulina Biologica, acquistabile in confezione contenente 500 compresse.

Un prodotto che si fa apprezzare anche da atleti e sportivi, proprio perché migliora la resistenza e il tono muscolare. Risulta anche utile tra chi pratica la dieta detox.

La spirulina contiene glutine?

Un’altra buona notizia per chi è allergico/a al glutine è che è priva di questa sostanza. Ma non solo. Non contiene additivi, coloranti artificiali, edulcoranti, leganti o riempitivi. Quindi è un prodotto biologico al cento per cento, anche per i modi con cui viene coltivato e lavorato.

Spirulina controindicazioni

Quali sono le controindicazioni della spirulina? In alcuni integratori sono state trovate tracce di microcistine, BMAA e non solo.

Le microcistine sono in grado di causare disturbi gastrointestinali e alla distanza, gravi danni al fegato. Tuttavia, a tali estremi non si arriva attenendosi alle limitate dosi giornaliere succitate.

Non bisogna però sottovalutare gli effetti cronici delle microcistine, che possono attaccare altri sistemi e organismi. Fino all’insorgenza di cancerogenesi.

La “U.S. National Institutes of Health” classifica la contaminazione da microcistina come “possibly safe”. Se contaminati possono però arrivare al livello di “likely unsafe”, specie nei più piccoli.

Tuttavia, occorre alzare il livello di allarme, in quanto negli Usa i controlli sugli integratori non sono proprio stringenti.

Ancora, la spirulina può essere contaminata da metalli pesanti. Come ad esempio quella prodotta in Cina, dove sono state trovate tracce di piombo, mercurio e arsenico.

Tra gli effetti collaterali riscontrati troviamo nausea, diarrea, sensazione di affaticamento e mal di testa. Ma si tratta di casi limite.

Essendo ricca di fenilalanina (2,6 – 4,1 g / 100 g), è sconsigliato in chi soffre di fenilchetonuria, per evitare che si accumuli nel cervello.

Ricordiamo che la fenilchetonuria – detta anche iperfenilalaninemia di tipo I – rimanda alla presenza di alti tassi di fenilpiruvato nelle urine e di fenilalanina nel sangue. In genere con questo termine si rimanda alla sindrome fenilchetonurica o PKU, una malattia pediatrica genetica.

Causata da diversi tipi di mutazioni recessive di un gene localizzato sul cromosoma 12 (locus 12q23.2), accomunate dal fatto di avere come effetto finale fenilchetonuria e iperfenilalaninemia (quando la concentrazione ematica di fenilalanina è maggiore di 2mg/dL. Va subito diagnosticata alla nascita tramite screening neonatale).

Per questo conviene utilizzare sempre prodotti di qualità, ad esempio qui trovi uno dei migliori integratori a base di spirulina.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui