Dieta dell’uovo: -6 Kg in 4 settimane, dieta dimagrante e benefici

0

Dimagrire in salute senza troppe rinunce e senza troppe “ristrettezze” alimentari: ecco la Dieta dell’uovo, assolutamente miracolosa con vantaggi e risultati assolutamente immediati, garantiti e sicuri in appena 4 settimane.

Se si vuole perdere -6 Kg in appena 4 settimane e non vuoi cedere il passo a troppe rinunce alimentari, non puoi non seguire la famosa Dieta all’uovo, un vero toccasana per la tua salute.

L’uovo è un alimento davvero completo, proteico che consente di smaltire i liquidi in eccesso, riducendo il gonfiore addominale, accelerando il metabolismo basale ed assolvendo ad una funzione di “brucia grassi”.

Ottimo no? È proprio quello che ci vuole per ridurre i “cuscinetti” di adiposità localizzati nelle zone “critiche”: pancia, fianchi, cosce e gambe. Iperproteico, povero di calorie e di carboidrati, l’uovo non deve mai essere eliminato da un regime dietetico sano e nutriente, a meno che non si sia intolleranti.

La Dieta all’uovo deve essere seguita per periodi “transitori” per ottenere un calo ponderale in modo veloce e senza troppe rinunce; decorse 4 settimane e, raggiunto il peso ideale, si può integrare la Dieta all’uovo con altri alimenti proteici e con cibi a contenuto di carboidrati e glucidi per mantenere lo stato fisico raggiunto.

In questa guida ci proponiamo di approfondire le proprietà nutrizionali, i benefici e le precauzioni che occorre tenere in debita considerazione se si vuole seguire “una tantum la Dieta dell’uovo, la quale permette di raggiungere un calo ponderale di -6 Kg in sole 4 settimane.

Uovo: calorie e proprietà nutrizionali

L’uovo di gallina che per certi aspetti e false credenze viene disdegnato e considerato un alimento ricco di grassi, colesterolo e calorie, nella realtà è un vero e proprio tocca sana.

Una fonte davvero preziosa di benefici nutrizionali e di proprietà uniche che consente all’organismo umano di nutrirsi facendo affidamento al concentrato di macro nutrienti in grado di apportare benessere.

Consumare uova di gallina è un validissimo alimento per ogni fascia di età: dallo svezzamento all’età adolescenziale fino all’età matura e alla vecchiaia.

Per comprendere le proprietà e i benefici nutrizionali contenuti in un uovo, è bene capire quali sono i macro nutrienti presenti nel tuorlo e nell’albume. Un uovo pesa all’incirca 60/70 grammi ed il tuorlo ricopre circa i tre quarti dell’apporto calorico totale di un uovo che è di circa 90 Kcal.

Nel tuorlo dell’uovo sono concentrati tutti i lipidi presenti nell’uovo e si annoverano i principali e più importanti: acido oleico, acido palmitico, acido stearico, acido linoleico.

Tra gli acidi grassi polinsaturi contenuti nel tuorlo dell’uovo si apprezzano la presenza degli Omega-6, il cui contenuto prevale sugli Omega-3, presenti solamente in piccole quantità.

Nel tuorlo dell’uovo è contenuto una discreta quantità di protidi, anche se decisamente inferiore rispetto all’albume.

Ottima fonte di colina o Vitamina J, questo macro nutriente è assolutamente essenziale per garantire l’integrità delle membrane cellulari, con conseguenti effetti positivi sulle capacità cognitive, mnemoniche e percettive, soprattutto dei neonati e degli adolescenti.

Il caratteristico colore giallo-aranciato del tuorlo d’uovo è dovuto alla presenza di luteina e zeaxantina, antiossidanti in grado di proteggere l’organismo dall’invecchiamento cellulare e dalla comparsa di cellule tumorali. Inoltre, il tuorlo d’uovo è da considerare una buona fonte nutrizionale di Vitamina A, B1, fosforo e ferro.

Per quanto concerne l’albume che ricopre in termini quantitativi ¼ del peso di un uovo, è costituito per il 90% da acqua ed il rimanente 10% è costituito da proteine, sali minerali, Vitamina B2, Vitamina C e glucosio.

Per l’esiguità dei componenti macro nutrizionali e per la rilevante presenza della componente acquosa, l’albume deve essere consumato crudo: la cottura ne “volatilizza” i componenti nutrizionali benefici per la salute dell’organismo.

Benefici e Precauzioni della Dieta all’uovo

Numerose ricerche scientifiche tra cui quella pubblicata dall’Harvard School of Public Health’s validano la tesi che consumare fino al massimo due uova al giorno non pare presentare problemi. Eccedere oltre questo limite può presentare svantaggi, specie per chi soffre di ipercolesterolemia: in particolare, il tuorlo dell’uovo vanta ha un elevato contenuto di colesterolo, circa 260 mg.

Se per troppo tempo, si è ritenuto che l’elevato contenuto di colesterolo dell’uovo lo rendesse un alimento da consumare al massimo 2 volte la settimana, oggi non si deve imputare l’ipercolesterolemia solo ed esclusivamente all’assunzione di uova.

Tuttavia, è vero che in alcuni soggetti (come i diabetici) un elevato consumo di colesterolo derivante dalle uova determina un incremento sia dell’LDL che dell’HDL, mentre per gli individui sani sembra che non vi siano grandi variazioni nei valori del colesterolo “cattivo” e di quello “buono”.

In soggetti sani assumere fino a 6/7 uova la settimana non comporterebbe alcun aumento del rischio cardiovascolare: interessante il risultato di studi che validano come un forte consumo di uova, nel contesto di una variegata dieta mediterranea, non comporti alcun aumento nell’incidenza di patologie cardiache.

Tuttavia, occorre ricordare che una dieta variegata come la classica dieta mediterranea è da preferirsi e da seguire conseguentemente alla Dieta dell’uovo (durata 4 settimane). La dieta mediterranea rimane il regime alimentare prediletto che permette di mantenere il peso corporeo raggiunto.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui