Vista affaticata: come fare

Vista affaticata: da cosa dipende e quali sono le buone abitudini che permettono di evitare occhi rossi, gonfi e doloranti al termine di una giornata di lavoro? Ecco qualche suggerimento per il benessere dei tuoi occhi.

Perché ho la vista affaticata?

Vista affaticata, oppure occhi stanchi? Usare molto il computer, stare sempre attaccati allo smartphone, guardare molta TV o affaticare la vista di notte leggendo sono tra le cattive abitudini che causano il problema.

Anche guidare a lungo, sforzarsi in ambienti bui, oppure usare luci troppo accecanti fanno sì che gli occhi comincino a far male.

Vista affaticata sintomi

Ci si accorge subito che qualcosa non va. Gli occhi cominciano a bruciare e a gonfiarsi, mentre c’è lo stimolo a grattarsi, sfregandosi gli occhi. Nei casi più gravi, questi lacrimano, ma può anche succedere di vedere annebbiato o due volte lo stesso oggetto.

Naturalmente, si diventa anche più sensibili alla luce: quella naturale, che di solito non crea fastidio, comincia a portare a un trauma serio.

Le buone abitudini per salvare i tuoi occhi

Per evitare la vista affaticata, ci sono diverse buone abitudini. Dove è possibile, si dovrebbe evitare di leggere di notte su uno schermo del PC. Anche usare il computer o uno smartphone dovrebbe essere limitato a un certo orario.

Di notte, si dovrebbe usare lo smartphone solo per chiamare in caso di emergenza, non per giocare. Man mano che si lavora, servirebbe un quarto d’ora di pausa lontano dallo schermo ogni 2 ore, in modo tale da poter riposare gli occhi e tenerli lontano dalla luce blu ogni tanto.

Per fortuna, gli schermi di ultima generazione possono risolvere il problema, visto che hanno dei sistemi per ridurre la luce blu e dare la possibilità agli occhi di riposarsi anche se si usa lo schermo.

Ecco quali sono le caratteristiche che deve avere uno schermo per evitare questo problema.

Quale monitor usare

Maggiore è la risoluzione del computer e migliore è la visione, quindi gli occhi si stancano meno. Per questo, si consiglia di usare uno schermo con i lati in grigio o in nero, con una risoluzione che, se non in 4K, sia almeno in Full HD.

Oltre a questo, accedendo alle impostazioni, si può verificare quanta luce blu emette lo schermo ed evitare che troppa luce faccia male. In più, si può verificare la grandezza dei caratteri.

Il monitor dovrebbe avere un sensore, che consenta di avere luci diverse in base alla luce solare. In questo modo, si proteggono gli occhi dalla vista affaticata.

Distanza dallo schermo

La distanza dovrebbe essere almeno di mezzo metro, ma più grande è lo schermo, maggiore dovrebbe essere la distanza. Tutto dipende anche se si indossano gli occhiali o meno. Anche l’angolo di visione deve essere almeno di 30 gradi, per evitare problemi alla vista.

Quando usare le gocce

Oltre al classico collirio, che va prescritto da un medico specialista, oggi ci sono anche le lacrime artificiali. Si tratta praticamente di acqua in gocce, che serve per mantenere l’occhio ben idratato. Un altro metodo naturale, che viene anche normale quando fanno male gli occhi, è muovere le palpebre. Questo migliora l’idratazione dell’occhio.

Copy su benessere e bellezza, fa della scrittura un'arte per te.